Un consulente per l’orientamento al lavoro e alla carriera aiuta le persone e gli studenti a prendere decisioni sulla propria carriera in base alle conoscenze, alle competenze, alle preferenze dell’individuo.

Un consulente interagisce con la persona per scoprire quale può essere lambito e/o il lavoro giusto, attraverso la raccolta e la valutazione delle informazioni sulla loro formazione, le precedenti esperienze professionali, gli interessi e altre informazioni personali. 
Spesso chiedono anche la compilazione di alcuni test per aiutare le persone a comprendere le proprie attitudini, personalità e preferenze per una migliore comprensione dei loro interessi professionali. 
Dopo aver analizzato i risultati dei test e dei colloqui, il consulente identifica le potenziali opportunità di carriera e informa la persona delle caratteristiche del lavoro, di quale salario può aspettarsi, ecc.

Doveri e responsabilità
I compiti e le responsabilità di un consulente del lavoro sono:

  • Scoprire le esigenze e le aspettative di una persona;
  • Guidarlo nella scelta della carriera che si adatta i suoi bisogni, alle sue qualifiche e alle competenze;
  • Consigliare quali azioni intraprendere per trovare o cambiare lavoro;
  • Cercare offerte di lavoro in linea con il profilo della persona;
  • Avere contatti con le aziende per avere informazioni su nuove posizioni lavorative.


Skills e specifiche del ruolo
Le competenze richieste a un consulente per l’orientamento al lavoro sono:

  • Grandi capacità di comunicazione e di ascolto del cliente;
  • Buone capacità di networking;
  • Conoscenza delle imprese sul territorio.


Formazione e Qualifiche
La laurea in psicologia con una specializzazione in orientamento o in psicologia del lavoro rappresenta un titolo preferenziale.

Sono richieste anche conoscenze informatiche di base ed eventualmente le certificazioni necessarie alla somministrazione di test.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *