Molte aziende si affidano alla figura dell’HR Business Partner per gestire al meglio i dipendenti. Svolgono un ruolo importante nell’individuare le persone giuste per le varie attività aziendali e per la costruzione di buoni rapporti e di un clima disteso all’interno del contesto lavorativo. La gestione del cliente interno, la capacità di influenzare e guidare le scelte inerenti lo sviluppo del personale, sono peculiarità di un HR Business Partner.

Doveri e responsabilità
La responsabilità principale di un HR Business Partner è quella di ascoltare le idee e di comprendere il punto di vista del cliente interno con lo scopo di proporre soluzioni in linea con i loro desiderata.
Le soluzioni proposte non dovrebbero conseguire vantaggi solo nel breve termine ma dovrebbero essere piani che, nel medio-lungo termine, conseguano una stabilità nelle politiche e nella gestione delle risorse umane.
L’HR Business Partner sarà il responsabile del mantenimento di un clima aziendale accettabile.

Skills e specifiche del ruolo
La principale capacità richiesta ad un HR Business Partner è quella di capire le attività lavorative e le esigenze aziendali;
Altrettanto importante è la capacità di comunicare in modo efficace le scelte effettuate;
È infine indispensabile saper negoziare e riuscire ad ottenere accordi win-win con tutte le parti in causa.

Formazione e qualifiche

Per diventare un HR Business Partner, è preferibile un Master in Gestione delle Risorse Umane o una Laurea in Business Management.
Un’esperienza di almeno tre anni in Uffici delle risorse umane strutturati è una condizione indispensabile.

Commenti 0

  1. Ma non é proprio vero siete male informati.
    L’HRPB é dipendente dell’azienda ed é professionista qualificato, non un semplice impiegato “addetto”, perchè supporta il business proattivamente.

  2. non c’è scritto che è “addetto”.. ma un professionista con una certa esperienza e istruzione.. scrivete tutti sempre le stesse frasi!

  3. Si tratta di un libero professionista che supporta l’azienda.
    Competenze elevate sono un requisito fondamentale, ma sotto il nome altisonante di business partner si cela un rapporto di collaborazione a partita Iva ovvero la classica consulenza perdipiu vincolata ad un solo cliente.
    Belle parole ma ai fini pratici il fatturato a fine mese e’ mediocre

  4. Io avevo invece sentito che era un ibrido vicino, per certi versi, ad un commerciale, per i “clienti” interni.
    Chi ha una formazione tipo un Master nell’HR Management ed esperienze commerciali ha possibilità di approcciare il ruolo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *