Vai al contenuto

Per Bilancio delle Competenze (BdC) si intende un percorso di analisi e di orientamento strutturato per dare alle persone consapevolezza delle proprie competenze, capacità, attitudini ed aspirazioni in qualsiasi fase della vita professionale con lo scopo di definire un piano per lo sviluppo delle proprie potenzialità.


Il BdC serve a conoscere meglio se stessi sia dal punto di vista professionale sia personale. Il presupposto è quello di considerare la consapevolezza e la passione elementi importanti per la costruzione di un’esperienza professionale di successo.

È possibile definire il processo del BdC in due macro-fasi:
1. Una prima fase di investigazione che serve a:

  • Identificare i valori di riferimento dell’individuo;
  • Valutarne le conoscenze;
  • Raccogliere informazioni sull’ambiente socio-professionale di riferimento;
  • Valutare le aspirazioni della persona.

2. Una seconda fase di progettazione con:

  • Analisi e cross-match delle informazioni acquisite;
  • Valutazione del risultato complessivo;
  • Redazione di un profilo del soggetto da parte del consulente;
  • Progettazione di un piano formativo;
  • Condivisione del report e discussione sul progetto di sviluppo professionale.

L’Obiettivo del BdC
L’obiettivo di un BdC è quello di far emergere le competenze (capacità professionali acquisite) e le caratteristiche (qualità personali trasversali) che influiscono sui risultati (in termini di performance) richiesti in un determinato contesto professionale e organizzativo.

Quali sono i prodotti del percorso di bilancio?

Con il Bilancio delle Competenze vengono realizzati una serie di documenti utili alla definizione del profilo della persona e al progetto di sviluppo:

Portafoglio di competenze: è l’insieme delle competenze acquisite dalla persona e le potenzialità sviluppate nel corso della vita personale e professionale.
Documento di sintesi: descrive le circostanze del bilancio, le competenze e le risorse della persona, i suoi punti di forza e di debolezza, le competenze da sviluppare e gli elementi di base del suo progetto professionale.
Progetto di sviluppo: descrive gli obiettivi di sviluppo professionale e/o formativo concordati insieme alla persona e definisce nel dettaglio i mezzi, le azioni e le fasi delle attività necessarie per il raggiungimento dello scopo.

Gli strumenti utilizzati nel BdC
lo strumento per antonomasia per il Bilancio delle Competenze è il colloquio, con l’aggiunta di una serie di strumenti specifici (es. schede pedagogiche, questionari di autovalutazione, analisi di esperienze passate, simulazioni, ecc.).
Una grande attenzione è attribuita all’individuazione e alla descrizione delle capacità e competenze non certificate, cioè acquisite al di fuori dei percorsi formativi istituzionali e all’esplicitazione di capacità e competenze che il soggetto non è cosciente di avere.

Chi utilizza il BdC?
Il BdC può essere utilizzato da:

  • chi è in cerca di occupazione (orientamento);
  • dalle aziende.

Nell’orientamento, il bilancio di competenze è un percorso strutturato che permette di creare un progetto professionale attraverso l’analisi sistematica delle caratteristiche personali, condotta con l’utilizzo di materiali strutturati quali test e/o schede di autoanalisi.
Il BdC per l’impresa può essere un prezioso contributo per la Gestione delle Risorse Umane in quanto favorisce nelle persone consapevolezza e capacità di autovalutazione. Consente inoltre di anticipare i cambiamenti, favorendo la mobilità interna ed esterna e l’adattamento a nuovi ruoli professionali, aumenta l’efficacia della formazione ed un valido strumento anche in fase di ricerca e selezione del personale.

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.